QuiFinanza
QuiFinanza

Mutui casa: primi segnali di ripresa

29/07/2013 in “Analisi mercato mutui

Il 2012 per il settore dei mutui e gli italiani che speravano in un mutuo per i propri progetti di casa, si è rivelato un anno da dimenticare. Ora dopo ben 12 mesi di fermo arrivano i primi dati incoraggianti e finalmente nel primo semestre del 2013 il livello degli spread torna ad abbassarsi. Un trend positivo, che se accomunato anche all'attuale calo dei prezzi degli immobili, rende l'acquisto della prima casa una scelta possibile e non più solo un miraggio.

A comunicare i primi dati sui segnali di ripresa del mercato dei mutui è stata l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) che, nella sua analisi mensile, ha rilevato un abbassamento dei tassi ai minimi storici che non si verificava dal 2012. A giugno 2013 il tasso sui mutui per la casa si è attestato al 3,67%, una variazione annua pari a -3,1% rispetto allo stesso mese del 2012 che fa ben sperare.

Questi dati vengono confermati anche dal nostro Osservatorio Mutui, dal quale emerge un calo generale degli spread medi rispetto ai picchi rilevati tra gennaio e luglio 2012. A distanza di un anno, infatti, la situazione è sicuramente migliorata, i tassi di riferimento delle banche sono tra i più bassi di sempre e alcuni istituti di credito hanno cominciato ad abbassare gli spread tanto che, tra le Banche che si possono confrontare su MutuiOnline.it, le migliori offerte hanno tutte spread inferiori al 3%, sia per i mutui a tassi variabile che per i mutui a tasso fisso.

MUTUO A TASSO VARIABILE
Durata   Tasso     Rata      ISC*
20 anni   2,98%    € 553   3,05%

30 anni   2,98%    € 420   3,04%


MUTUO A TASSO FISSO

Durata   Tasso      Rata         ISC*
20 anni   5,60%*    € 529       5,26% ( * tasso a 2,50% primi 2 anni)

30 anni   5,60%*   € 395      5,40%  ( * tasso a 2,50% primi 2 anni)


Profilo cliente: impiegato, 35 anni, residente a Milano, mutuo acquisto prima casa, importo mutuo richiesto: € 100.000, valore immobile: € 200.000 (* Indice Sintetico di Costo). Rilevazione su MutuiOnline.it del 30/7/13.

I dati sono positivi e per chi desidera chiedere un mutuo per l’acquisto della prima casa, questo è un periodo da tenere presente, non solo per l’abbassamento dei tassi ma anche per la continua discesa dei prezzi degli immobili. Secondo i dati di Nomisma, in media, un'abitazione richiede più di 8,5 mesi per trovare un compratore e per questo motivo i proprietari si sono decisi ad abbassare le richieste: a fine trattativa si rileva un ribasso medio sul prezzo iniziale richiesto del 16,5%.

Ovviamente, bisogna dire che la difficoltà delle banche nella concessione dei finanziamenti permane e che per trovare il mutuo casa adatto delle proprie esigenze è bene confrontare la maggior quantità di proposte di mutuo disponibili sul mercato e valutare attentamente le condizioni previste da contratto.

Confronta ora le proposte di oltre 50 Banche>>

Come valuti questa notizia?
Mutui casa: primi segnali di ripresa Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
ARTICOLI CORRELATI:
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
I mutui più convenienti di settembre pubblicato il 7 settembre 2017
Mutui giovani: un’opportunità per la casa dei sogni pubblicato il 4 giugno 2017
Come scegliere il migliore mutuo a tasso variabile pubblicato il 20 luglio 2017
Rinegoziazione o surroga del mutuo? pubblicato il 31 luglio 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile