QuiFinanza
QuiFinanza

Euribor negativo: è il momento di comprare

8/02/2015 in “MutuiOnline informa

tassi di interesse

È il momento di comprare casa. Lo dicono i tassi, ridotti ai minimi storici, e i valori dell’Euribor, sceso per qualche giorno sotto lo zero, segnando così un record assoluto; a questo si devono aggiungere gli spread ridotti al minimo dalle banche che si fanno tra loro concorrenza.

I tassi variabili sono sotto il 2%, destinato a scendere presto all’1,5% e il tasso fisso, aggirato negli ultimi anni grazie alle operazioni di surroga, ritorna a essere quasi altrettanto conveniente, con valori che si definiscono intorno al 3% nel caso di finanziamenti a 20 anni e poco sotto il 3,5% per quelli a 30 anni. Se si aggiunge che i prezzi delle case sono stabili dopo un periodo di ribasso lento e inesorabile, si arriva facilmente alla conclusione che sia questo il momento buono per finanziare l’acquisto di un immobile.

Ci si chiede anche se sia realmente conveniente scegliere un tasso fisso alle attuali condizioni.

I dati dicono che nella seconda metà del 2014 le richieste sono salite al 40,9%, contro il 52,8% del variabile tradizionale. E attualmente, con i nuovi valori a ribasso dell’Eurirs, sono ancora in aumento coloro che richiedono la formula del tasso fisso.

La vera risposta è che non esiste alcuna certezza che nel lungo periodo un tasso fisso possa convenire in assoluto e in proporzione più di un tasso variabile. Ma una cosa è certa: i tassi sono destinati a risalire, con l’Euribor e le rate indicizzate.

Questo per effetto dell’inflazione, la cui spinta è stata data dalla maxi operazione di immissione di liquidità del Quantitative easing, che conseguentemente farà salire anche il costo del denaro e la rata dei mutui a tasso variabile.

La stranezza è che la discesa dell’Euribor a livelli così bassi è stata accolta come poco realistica dalle stesse Banche: queste si trovano attualmente a dover praticare tassi di interesse che rischiano di scendere al di sotto della stesso valore degli spread previsti dai contratti.

Una soluzione per coloro che richiedono un finanziamento finalizzato all’acquisto di un immobile avrebbe potuto essere quella di scegliere un mutuo a tasso variabile con tassi e tetti di copertura. Ma attualmente le banche spingono il tetto a un livello troppo elevato, tra il 5,5 e il 6%: la diretta conseguenza è che il mutuo con il CAP non è più un prodotto interessante così come era sembrato, a tutela del mutuatario in un momento in cui le oscillazioni dei tassi rischiavano di innalzare troppo la rata.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Euribor negativo: è il momento di comprare Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
ARTICOLI CORRELATI:
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Migliori Offerte di Mutuo – Ottobre 2017 pubblicato il 18 ottobre 2017
Migliori Offerte di Mutuo – Settembre 2017 pubblicato il 21 settembre 2017
Tasso variabile: perchè sceglierlo? pubblicato il 4 maggio 2017
Migliori Offerte di Mutuo – Luglio 2017 pubblicato il 19 luglio 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile