QuiFinanza
QuiFinanza

Casa dolce casa: gli italiani tornano a investire nel mattone

2/08/2014 in “MutuiOnline informa

Ripresa MutuiMutui ed investimenti immobiliari in ripresa. I dati dei primi mesi del 2014 lanciano segnali incoraggianti dopo un lungo periodo di stasi. Secondo l'Osservatorio sul Credito al Dettaglio realizzato da Assofin, Crif e Prometeia tra gennaio e marzo “i flussi di nuovi crediti sono tornati a crescere rispetto allo stesso periodo del 2013, grazie a un miglioramento del clima di fiducia delle famiglie in seguito ai primi segnali della possibile fine della fase recessiva e a condizioni di offerta più distese”.

Le famiglie stanno dunque ricominciando ad investire nel mattone.

Dopo una chiusura del 2013 non particolarmente incoraggiante, il primo trimestre 2014 è stato caratterizzato da un aumento delle erogazioni di mutui immobiliari per acquisto di abitazioni (+6,2%) e di altri mutui (+12,4%). Un trend positivo che sblocca un lungo periodo di flessione, iniziato nel 2012 (con volumi ridotti di più della metà) e protrattosi per tutto lo scorso anno: in particolare, i mutui per acquisto di immobili avevano subito una forte contrazione (-10%), mentre la componente degli «altri mutui» aveva reagito meglio alle sfide del mercato (-3,7%). 

Oggi, parallelamente alla ripresa del mercato mutui, va segnalata anche la stabilità del credito al consumo (-0,2%), dopo una conclusione del 2013 particolarmente negativa (-5,3%): +3% per le carte di credito rateali, anche in relazione al lancio di molte offerte e promozioni.

Per quanto riguarda i finanziamenti volti all'acquisto di autoveicoli e motocicli, dopo una riduzione dei flussi nel 2013 (-6,6%) e una serie negativa partita dal secondo trimestre 2010, stanno vivendo nel 2014 un periodo di ripresa (+2,1%).

Per quanto riguarda i finanziamenti dedicati ad altri beni e servizi (arredo, ciclomotori, elettronica ed elettrodomestici, ed altri beni come ad esempio viaggi, spese mediche, palestre...) si registra nel 2014 un peggioramento del trend: -6,1% nel 2014 contro un -4,8% nel 2014. Fenomeno spiegabile se si considera la forte contrazione dei consumi in queste specifiche categorie merceologiche. In calo,  seppur con qualche cenno di ripresa, anche i prestiti personali (-1,9% nel 2014 contro il -9,6% dell’anno precedente).

Volendo ipotizzare lo scenario futuro, l'Osservatorio evidenzia che nel triennio 2014-2016 “la ripresa del mercato del credito alle famiglie si dovrebbe consolidare gradualmente, sebbene la cautela dell'offerta e l'incertezza da parte delle famiglie manterranno modesti i ritmi di crescita”. Secondo le previsioni, nel 2014 il credito al consumo registrerà ancora un'ulteriore riduzione (-1,5%), seguita però da una fase di crescita nel 2015.

A cura di Alessia De Falco
Come valuti questa notizia?
Casa dolce casa: gli italiani tornano a investire nel mattone Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
ARTICOLI CORRELATI:
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Mutui: le previsioni per il nuovo anno pubblicato il 5 gennaio 2018
Mutui a tasso fisso: è ancora tempo di affari pubblicato il 2 gennaio 2018
I mutui più convenienti di gennaio pubblicato il 13 gennaio 2018
Le surroghe più convenienti di aprile pubblicato il 27 aprile 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile