QuiFinanza
QuiFinanza

Il rilancio dei mutui e la svolta del mercato immobiliare

28/06/2016 in “MutuiOnline informa

È stato in occasione del seminario `Fare casa' tenutosi presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, che sono state ribadite le misure principali del Governo tese a favorire e rilanciare il mercato immobiliare: il sostegno alle famiglie attraverso le agevolazioni fiscali e i bonus, le opportunità di accesso credito, la ripartenza del settore edilizio. In particolare, l’attenzione è andata sulla ripresa del mercato dei mutui, che a partire dallo scorso anno, ha trovato conferma anche nel primo trimestre del 2016, segnando una vera svolta dell’intero comparto.

Sui mutui l’Osservatorio di MutuiOnline fa il punto mensile, confrontando i dati relativi alla domanda con quelli dell’offerta degli istituti di credito, secondo parametri definiti che sono le caratteristiche dei finanziamenti e il profilo dei richiedenti.

Il dato che ferma maggiormente l’attenzione è la percentuale di richieste di mutui per surroga, ridottasi in questa prima parte dell’anno al 48,5% rispetto al 54,1% dello scorso semestre e in maniera ancora più sensibile rispetto al primo semestre del 2015, che aveva fatto rilevare il 63,8% delle richieste. Se invece guardiamo le effettive erogazioni, la percentuale sale e arriva al 59,1%, segno che le banche stanno finanziando adesso richieste pregresse.

Su Segugio.it è possibile effettuare un preventivo di surroga, confrontando l'offerta di 65 istituti di credito convenzionati; in questo modo sarà possibile risparmiare notevolmente sulla rata, adeguando il pagamento ai tassi d'interesse attuali.

Il 40,2% della domanda ha invece come finalità un classico acquisto della prima casa. Il 5,3% l’acquisto della seconda casa, il 3,4% la ristrutturazione e un piccolo 2,6% il consolidamento di debiti o il bisogno di liquidità.

Il mutuo più gettonato nella prima metà dell’anno è quello a tasso fisso, con il 64,4% delle richieste. Il 30,8% domanda invece il tasso variabile e il 3,4% il variabile con Cap. Di fatto, il 71,0% dei mutui concessi sono a tasso fisso e solo il 24,2% a tasso variabile, dato comunque in calo rispetto alle erogazioni del secondo semestre del 2015 che avevano visto ben il 75,7% dei mutui concessi con questo tasso.

Riguardo alla durata, vincono i 20 anni con il 26,7%, seguiti dal periodo 30-40 anni che guadagna l’1% rispetto allo scorso semestre e segna il 24%. Il 19,6% delle richieste è per una durata di 25 anni, mentre il 18,1% per 15 anni. Solo l’11,6% delle richieste è per un periodo uguale o inferiore ai 10 anni.

Si alza l’importo medio richiesto, passando dai 123.704 euro dello scorso semestre ai 126.944 euro di questo semestre. Per contro, l’importo medio dei mutui erogati è di 116.727 euro, in leggera ripresa rispetto al periodo precedente che aveva segnato 116.034 euro.

La percentuale della somma finanziata va dal 70 all’80% per il 29,6% delle richieste, dal 41 al 50% per il 16,3% delle richieste e dal 60 al 70% per il 16,2% della domanda. Solo il 9,2% richiede una percentuale inferiore al 30% e solo il 5,4% un loan to value maggiore del 90%.

Dal lato delle erogazioni, il loan to value che copre dal 70 all’80% è quello più consistente in termini percentuali con il 20,9%, seguito dall’intervallo 40-50%, che riguarda il 20,3% del totale delle concessioni.

Se guardiamo invece l’area geografica di provenienza delle richieste, vediamo come cresce il centro Italia con il 39,4% e aumenta di poco anche il Nord facendo rilevare il 37,5%. Solo il 15,9% della domanda proviene dal Sud e il 7,2% dalle Isole. Abbastanza allineati i dati delle effettive erogazioni, che segnano rispettivamente il 40,1% al Centro, il 39,7% al Nord, il 14,1% al Sud e il 6,1% nelle Isole.

La percentuale più alta dei richiedenti, il 45,1%, ha tra i 36 e i 45 anni, il 26,4% ha tra i 26 e i 35 anni, il 20,4% ha tra i 46 e i 55 anni. Solo il 6,2% ha più di 55 anni. La percentuale più importante delle erogazioni, il 48,1%, viene fatta a clienti con età compresa tra i 36 e i 45 anni.

Un’altissima percentuale di richiedenti, l’82,5%, ha un impiego a tempo indeterminato, mentre una percentuale ancora più alta di erogazioni, l’87,5%, ha richiesto lo steso tipo di posizione professionale. Notevole il gap tra i richiedenti che hanno un lavoro autonomo e le effettive erogazioni: sono il 9,5% contro il 5,5%.

Su Segugio.it è possibile confrontare le migliori offerte di mutuo sul mercato. Per fare una simulazione bastano pochi secondi, semplicemente inserendo i dati base necessari per il calcolo.

Supponendo ad esempio la richiesta di surroga, a tasso fisso e di durata ventennale, per un importo di 120.000 euro e un valore dell’immobile pari a 250.000 euro di un impiegato milanese quarantenne con uno stipendio di 1.700 euro mensili, il miglior finanziamento è Mutuo Domus Fisso di Intesa Sanpaolo che offre una rata di 595,76 euro al tasso fisso dell’1,80% e Taeg 1,92%. Le spese di istruttoria e perizia, come di consueto per le operazioni di surroga, sono pari a zero.

A cura di Paola Campanelli
Come valuti questa notizia?
Il rilancio dei mutui e la svolta del mercato immobiliare Valutazione: 0/5
(basata su 0 voti)
ARTICOLI CORRELATI:
I mutui più convenienti di giugno pubblicato il 12 giugno 2017
Come richiedere un mutuo senza busta paga? pubblicato il 20 ottobre 2017
La surroga e le alternative al mutuo: quanto convengono in questo momento? pubblicato il 6 novembre 2017
I mutui surroga più convenienti di novembre pubblicato il 9 novembre 2017
I mutui surroga più convenienti di ottobre pubblicato il 16 ottobre 2017
Oppure clicca qui per essere richiamato
RICERCA MUTUO
Finalità mutuo

Tasso
Valore immobile

Importo e durata mutuo
anni
Età richiedente
anni
Posizione lavorativa

Reddito
 € netti mese
Domicilio richiedente

Provincia immobile

Stato ricerca immobile